Barbara Oshun Giannantoni

  • Wix Facebook page
  • Wix Twitter page
  • Wix Google+ page
  • w-youtube
Tribal Fusion Bellydance 

La Tribal Fusion Bellydance è  Una danza moderna su tradizioni antiche, 

una fusione di Danze provenienti da diverse culture e tradizioni,

Uno stile moderno e accattivante, che pur traendo le sue origini dalla Danza Orientale,

alle influenze energiche e regali dell'ATS® aggiunge stile, movimenti e musicalità, virtuosisimi tecnici e  contaminazioni provenienti da altre danze moderne e contemporanee come l'hip hop e la break dance,

di cui sposa anche la musica, ricca di  influenze trap ed elettroniche.

E' una danza spettacolare e coinvolgente, che richiede una particolare coordinazione e controllo muscolare pur restando femminile e misteriosa. 

Storia ed Evoluzione della Tribal Fusion 

Oggi diciamo che la Tribal Fusion nacque negli U.S.A. a partire dagli anni 90, seguendo la spinta di una nuova concezione della figura femminile, energica, indipendente, forte e  affascinante, che aveva cominciato a diffondersi negli anni 80 con la nascita dell' American Tribal Style® ideato da Carolena Nericcio.

Quello che spesso non viene detto è che l'ATS a sua volta prendeva ispirazione dal lavoro di ricerca di cultura costume e movimento che Jamila Salimpour aveva iniziato a diffondere già dagli anni 60, proseguito poi con Masha Archer negli anni 70 di cui Carolena Nericcio fu allieva. 

Le origini quindi della Tribal Fusion sono da attribuire a Jamila Salimpour, ed in seguito a sua figlia Suhaila Salimpour, che con il suo metodo di isolazioni e tecnica del movimento continua a formare ed ispirare moltissime danzatrici Tribal e non dal 1980 ad oggi.

Ma nella florida culla artistica della comunità Bellydance di San Francisco, moltissime influenze contribuirono in quegli anni a determinare la Tribal Fusion che oggi conosciamo e che è legata a stretto giro a Rachel Brice, 

Una delle icone più Famose della Tribal Fusion Bellydance, cui sicuramente va il merito di aver portato al grande pubblico una danza che era più che altro di nicchia e sconosciuta, determinandone la diffusione mondiale. 

Una delle prime originali Fat Chance Bellydance®, la compagnia di ATS® di Carolena Nericcio fu Jill Parker.

Jill, introdusse l'elemento di Fusione a questa danza, fondando un proprio gruppo le Ultra Gypsy, che si esibirono a partire dal 1996, mantenendo alcuni elementi del costume e dello stile Tribal proveniente dall'ATS, aggiungendo però contaminazioni provenienti da altre danze. 

Alcune delle più importanti danzatrici soliste e famose insegnanti degli anni 2000 fecero parte a quel tempo delle Ultra Gipsy, ad esempio Rose Harden, Sharon Kihara, e la stessa Rachel Brice.

Un altro personaggio da citare è sicuramente Heather Stants, che con la sua Urban Tribal Dance Company (2000) diede largo spazio alle contaminazioni modern e contemporanee, enfatizzando le linee e le prestazioni più atletiche delle danzatrici, preferendo un costume minimal proprio per non distrarre dalla danza.

L'esatto opposto potremmo dire delle Indigo, in cui  Mardi Love, Rachel Brice e una giovanissima Zoe Jakes, si esibivano lasciando largo spazio alle ricchiezza dei costumi e alle influenze Vaudeville che da sempre rendono unico e caratteristico lo stile di Mardi Love, altro personaggio di spicco e la cui conoscenza è indispensabile per comprendere l'evoluzione di questo stile. 

Oggi uno dei nomi più attuali e noti della scena Tribal Fusion è appunto Zoe Jakes, che con le sue performance, sia tecnicamente, sia concettualmente e scenicamente spettacolari, occupa ancora indiscussa il posto di spicco di questo stile ancora in evoluzione.

Altri contributi molto diversi vengono ad esempio da Amy Sigil, che con in suo gruppo UNMATA, ha creato una forma di Improvvisazione coreografata più moderna e complessa ispirata all'ATS  chiamata ITS- Improvisational Tribal Style.

Altre influenze che si sono evolute negli anni spaziano dal Gothic Fusion, al Modern Fusion, al Flamenco Fusion. Sostanzialmente ogni stile fuso con la Tribal Bellydance può diventare Tribal Fusion.

Attenzione però a non generalizzare.

La possibilità di fondere diversi stili di danza, proprio della Tribal Fusion Bellydance dà l'opportunità ad ogni danzatrice di esprimere le proprie diverse qualità artistiche, sia permette di aggiungere influenze provenienti da diversi background di ognuna.

Questo non deve far pensare, come oggi erroneamente troppo spesso viene fatto, che basti fondere qualsiasi stile per fare Tribal Fusion. 
Per essere chiamata tale è necessario che vi sia un richiamo tecnico, stilistico, e figurativo che rimandi alle origini di quello che stiamo rappresentando, e che sia  coerente con la tradizione da cui deriva, 

altrimenti è solo una Fusion generica, che non può vantare questa affiliazione senza generare confusione e una inevitabile banalizzazione e screditamento dello stile. 

Non è possibile fare Tribal Fusion senza conoscere la Danza Orientale, il Format Salimpour, 

e soprattutto l'American Tribal Style che sia come tecnica, come postura ed impostazione del movimento, ma anche e soprattutto come concezione di cosa vuol dire essere Tribe, è un passaggio fondamentale per la crescita e la maturazione di ogni danzatrice che voglia sbocciare ed esibirsi nella comunità tribal attuale.

La conoscenza delle origini e la coerenza stilistica nella tecnica e nella presentazione, genera la forza e l'integrità di questo stile, di cui tutte, insegnanti, danzatrici ed allieve, siamo responsabili.

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now